Porsche: ecco il SUV elettrico

L’anno scorso, Porsche ha presentato la versione di produzione della Mission E, una quattro porte completamente elettrica che sembrava un degna rivale di Tesla Model S. La missione E non sarà in vendita fino alla fine del 2019, ma questo non è Fermando Porsche dal iterare sul design. Oggi al Salone di Ginevra, la casa automobilistica tedesca mostra la sua risposta alla Model X di Tesla: la mission E Cross Turismo.

Porsche mostra il suo concetto di SUV

Il Cross Turismo è un cosiddetto studio concettuale piuttosto che un design pronto per la produzione, ed è pieno di fantasiosi tocchi di design. Luci a LED danzano intorno e attraverso il logo Porsche illuminato sul retro. Il distintivo Porsche sul davanti è reso in bianco e nero, le ruote sono stilizzate in un profondo blu, e l’interno è pieno di motivi e decorazioni futuristiche. Un pad di ricarica wireless si trova tra i due sedili posteriori. I fari, o meglio la matrice di LED che costituisce i fari, sono anche un mix di curve ondulate familiari e neo-futurismo più angolare. Tutto ciò per dire che Porsche sta esercitando maggiormente i suoi muscoli del design piuttosto che offrirci uno sguardo concreto sui suoi piani futuri.

Porsche chiama questa vettura un “CUV” o un cross utility vehicle, che l’azienda spiega è fondamentalmente una versione più raffinata di un SUV. Ha una serie di elementi di stile robusti, tra cui passaruota protetti, un’altezza di guida più elevata, fendinebbia e pneumatici pesanti. Ma l’aspetto generale non è né pesante né ingombrante: la Mission E Cross Turismo è sottile e, grazie a tocchi riconoscibili come il fanalino posteriore, identificabile come una Porsche.

Se mai verrà realizzato, il Cross Turismo dovrebbe funzionare come una Porsche. E ‘costruito sullo stesso telaio base della Mission E, quindi questo significa due motori elettrici, uno anteriore e uno posteriore, che gli danno una velocità massima di 250 chilometri all’ora e accelerano da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi e a 200 km/h in meno di 12 secondi. L’auto ha anche un’autonomia di poco meno di 400 chilometri ed è compatibile con la crescente rete europea di ricarica rapida.


Francesco Menna

Studente di Ingegneria Meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori e la tecnologia.

Articoli che potrebbero interessarti...