Costruire edifici rispettando l’ambiente conviene: ecco lo studio

Costruire edifici rispettando l'ambiente conviene: ecco lo studio
Per ogni euro speso da parte del governo per rendere gli edifici esistenti più resistenti agli incendi, terremoti, inondazioni e uragani, si risparmiano 6 euro in perdite di proprietà, interruzione dell’attività e problemi di salute, secondo un nuovo studio condotto dal professor CU Boulder Keith Porter. Lo studio ha anche rilevato che per ogni euro speso per rendere le strutture più resistenti ai pericoli in futuro, se ne risparmiano altri 4. In tutto, nei prossimi 75 anni, queste misure potrebbero prevenire 600 morti, 1 milione di feriti e 4.000 casi di disturbo da stress post-traumatico, conclude il rapporto.

“Considerando che le perdite per rischi naturali continuano a salire, superando i 300 miliardi di dollari solo nel 2017, le decisioni di mitigazione sono più pressanti che mai”, ha detto Porter, ricercatore nel dipartimento di ingegneria civile, ambientale e dell’architettura. “Questo studio dimostra che pagare per costruire nuovi edifici migliori e per aggiustare quelli esistenti, in realtà fa guadagnare”.

Lo studio pluriennale, Natural Hazard Mitigation Saves, è stato commissionato dal National Institute of Building Sciences (NIBS) con sede nel Congresso e realizzato dall’azienda di consulenza SPA Risk LLC di Porter. Gli studenti di Boulder hanno partecipato alla ricerca e Lori Peek, direttore del Centro di ricerca sui pericoli naturali di Boulder, è stato membro del comitato di supervisione.

Una versione del 2005 dello studio ha rilevato che per ogni euro speso dall’ente federale di gestione delle emergenze per fortificare gli edifici esistenti, i contribuenti ne risparmiano 4. Questo studio è stato determinante nel convincere i governi di tutto il mondo a investire nella mitigazione dei pericoli naturali. Ma il nuovo studio ampliato suggerisce di aver sottovalutato quanto possa essere economicamente conveniente.

Costruire edifici: lo studio sul risparmio

Per la revisione, Porter e una squadra nazionale di scienziati hanno calcolato quanto il governo federale ha speso per la mitigazione negli ultimi 23 anni.

Quindi hanno usato la valutazione del rischio probabilistico per calcolare la spesa che la mitigazione evitava. Oltre a guardare terremoti, venti degli uragani e alluvioni del fiume, come ha fatto lo studio del 2005, hanno guardato il lato dell’interfaccia urbana-selvaggia (un problema crescente in Colorado e California) e gli uragani, che hanno causato la maggior parte dei danni in Texas.

Oltre alle perdite di proprietà e di affari, il nuovo studio includeva costi meno ovvi, come il trattamento del disturbo da stress post-traumatico, la perdita di accesso alle caserme dei pompieri e degli ospedali e il pagamento di lavoratori di ricerca e soccorso.

E i ricercatori hanno fatto una nuova domanda: quale sarebbe il rapporto costi-benefici se, per un anno, tutti i nuovi edifici del settore privato in aree ad alto rischio fossero costruiti per superare i codici esistenti?

“Non c’è nulla di sbagliato nei codici esistenti, il loro scopo è proteggere la vita umana e lo fanno molto bene”, ha detto Porter.

Ma quando si tratta di impedire che gli edifici diventino inutilizzabili, possono fallire, come mostrano le sue ricerche. (Uno studio di CU Boulder condotto da Porter ha rilevato che se un terremoto di 7.0 dovesse colpire un’area metropolitana della California, il 25% degli edifici fino al codice sarebbe crollato, pericolante o danneggiato abbastanza da limitare l’uso).

“Volevamo scoprire cosa sarebbe successo se l’obiettivo dei codici fosse quello di proteggere la vita umana e di avere lo stock di costruzioni più resiliente possibile che abbia ancora senso dal punto di vista economico.”

Con i 27,4 miliardi di dollari investiti dal governo americano nell’ultimo quarto di secolo, lo studio ha rilevato un risparmio di 157,9 miliardi. Andando avanti, se i costruttori privati ​​investissero ulteriori 3,6 miliardi per un solo anno per superare il codice, la società risparmierebbe 15,5 miliardi.

In alcune aree del paese, il rendimento sarebbe ancora maggiore.

“Ci sono contee in California dove ha senso dal punto di vista economico rendere gli edifici tre volte più forti e rigidi di quanto richiesto dal codice e il rapporto costi benefici potrebbe raggiungere l’8-a 1”, ha affermato Porter.

 

Fonte: Science Daily


Francesco Menna

Studente di Ingegneria Meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori e la tecnologia.

Articoli che potrebbero interessarti...