Macerata: morta una 19enne pakistana, fermato il padre della ragazza

Azka Riaz, giovane ragazza di anni 19 di origine pakistana è stata ritrovata morta nella strada sulla Sp 485 a Trodica di Morrovalle nella provincia di Macerata, nella giornata di sabato 24 febbraio.

La morte della ragazza dalla prime indagini sarebbe stata accreditata ad un auto che l’avrebbe investita sulla strada, però dopo poche ore arriva la svolta, infatti viene fermato il padre della ragazza con l’accusa di omicidio preterintenzionale.

Gli investigatori dell’arma dei Carabinieri sono convinti che il padre abbia causato la morte della ragazza grazie alle lesioni provocate dalle botte inflitte, in un secondo momento l’uomo avrebbe fatto passare la morte della ragazza come un incidente stradale. Il genitore era li vicino alla strada quando il corpo è stato ritrovato. Il padre pakistano di anni 44 attualmente è nel carcere di Montacuto ad Ancona.

La voglia della figlia di sentirsi libera

Dalle prime ipotesi che emergono la ragazza voleva sentirsi libera di non essere costretta a vivere secondo le usanze della sua terre di origine. Questo potrebbe essere il movente per il padre che non accettava la volontà della figlia di astenersi dalle tradizioni.

L’uomo non era esente da precedenti, infatti su di lui vi era un accusa di maltrattamento familiare sui propri figli. Questa mattina si svolgerà l’autopsia definitiva sul corpo della vittima per chiarire ogni dubbio su cosa abbia causato il decesso.

Fonte: affaritaliani.it


Lorenzo Diaco

Studente di Ingegneria Informatica a Roma, grande appassionato e studente di musica, oltre che fervente appassionato di calcio e tifoso del Napoli. Fondatore del progetto revogeek, del quale dirige l'aspetto tecnico e commerciale.

Articoli che potrebbero interessarti...